martedì 30 marzo 2010

di elezioni in Piemonte, di PD, di Movimento 5 stelle..

Mi spiace, ma questa volta sento proprio l'esigenza di scrivere un post politico. Perché sono delusa e anche un po' arrabbiata. Delusa per la quantità di persone che hanno votato Lega Nord e/o un leghista in questa tornata elettorale, perché mi rendo conto di quanta gente disperata si lascia imbambolare dai discorsi di chi pone facili soluzioni ai problemi contingenti.
E arrabbiata, non con gli elettori del centro-destra, non con chi si è astenuto, non con gli elettori delle altre liste, ma con gli elettori ed i vertici del centro-sinistra. Perché, sinceramente, mi sono rotta le scatole di politici che quando perdono addossano la colpa agli altri... chissà come mai in Puglia Vendola ha vinto e la Bresso in Piemonte no. Non è che magari le politiche attuate in Piemonte non hanno soddisfatto i cittadini? Non è che magari le persone che avrebbero dovuto sostenere il centr-sinistra non si sono riconosciute in anni di politica bressiana? Non è che forse -ma dico forse- la consapevolezza delle esigenze ambientali e il diritto ad una politica sostenibile inizia ad essere un'esigenza di tutta una parte di popolazione e -caso strano- finora in Piemonte non è che che si sia fato molto in questo senso, anzi, si è perfino continuato a sostenere la TAV!
E allora mi rivolgo a voi, elettori e vertici del centro sinistra: piantatela di dire che se non avete vinto è colpa del movimento 5 stelle e fate un po' di auto-coscienza, se ne siete capaci! Anche perché vi rammento che il testa a testa con Cota c'è stato solo perché avevate in coalizione l'UDC, altrimenti Cota avrebbe stra-vinto. E allora ce le vogliamo fare 'ste benedette due domande??? Ma soprattutto: vogliamo finalmente prenderci carico delle risposte a queste domande e attuare dei cambiamenti???
Io tendenzialmente ho un pensiero che può essere definibile "di sinistra", ma non sono mai stata un'elettrice del PD, eppure per anni mi sono costretta a votare questo partito (attraverso i 1000 nomi che si è dato) solo per paura di far vincere non la destra (siamo in una democrazia e se la maggior parte degli elettori vota destra è giusto che governi) ma Berlusconi, che è di destra almeno quanto il PD è di sinistra ovvero (per citare mio fratello) quanto io sono Jimi Hendrix.
Questa volta ho detto basta, mi sono stufata di votare gente che non mi rappresenta per niente, per cosa?? Penso che sia doveroso e necessario riappropriarsi del meccanismo elettorale e penso che dovremmo tutti, al di là delle parti politiche, ricordarci che il voto è un meccanismo di rappresentanza e che dovremmo appunto sentirci rappresentati da chi mandiamo a governare.
Non possiamo lamentarci e poi continuare a farci prendere in questi meccanismi ricattatori che vanno oramai avanti da troppo tempo.
Io mi sono rifiutata e ho rischiato. Ha vinto Cota e -certo- non sono contenta, ma d'altronde è anche giusto così: se è stato votato tanto è giusto che governi, per quanto questo possa non piacere.
Io, dal canto mio, sono contenta di avere finalmente votato chi volevo. Ho votato Movimento 5 Stelle e non per protesta, no, ma perché mi sono piaciuti i candidati, mi ci sono riconosciuta, perché soprattutto hanno un programma in cui credo al 100%. E sono contenta, perché due seggi sono andati a chi ho votato e sono sicura che quei due seggi saranno più fruttuosi dei 12 del PD.

lunedì 29 marzo 2010

diciottesima settimana

Ancora due settimane e saremo a metà! :)
Giovedì notte ho sentito un calcetto, ma non ne ero molto sicura, poi ieri sera mi sono sentita rivoltare la panza.. mi sa che qualcuno stava facendo le capriole!!!
Mi ha ancora svegliata un tremolìo stamattina.. insomma, non ho dormito un tubo e male, però che bello!!!!
Oggi pomeriggio mi sforzerò di fare una spedizione al negozio per bimbi qui vicino perché devo assolutamente risolvere la storia del reggiseno: ieri quando l'ho tolto avevo dei segni col sangue a fior di pelle e direi che non va molto bene.. speriamo di trovare qualcosa, altrimenti ripiegherò sulla brassière in microfibra.

venerdì 26 marzo 2010

la settimana della salute

Già, questa è veramente la settimana della salute: a parte i soliti problemi di contrazioni, dermatiti, orticarie ed eczemi, per la serie "non ci facciamo mancare niente" si sono aggiunte non 1, non 2, non 3, non 4, bensì 5 carie scoperte ieri dal dentista, e non ultima, ma sicuramente prima per importanza, si è ripresentata una fantastica recrudescenza dell'asma. Eh già, ci voleva. In realtà è stata un po' colpa mia: non ho fatto attenzione alle avvisaglie, pensando che fosse altro e facendomi condizionare dal pensiero familiare che fosse una roba auto-indotta e poco più di una sensazione (la mia asma è comparsa nell'adolescenza, ma mi è stata diagnosticata a 25 anni perché i miei pensavano fossero tutte balle). Poi ho fatto una visitina di controllo dal medico perchè mi è venuto un attaccone e così ho dovuto iniziare con gli steroidi.. mi sono ovviamente fatta prescrivere la dose minima possibile, ma intanto.. in più mi sono dovuta anche bombardare di Ventolin per tamponare le crisi acute. Sto bimbo mi diventerà tipo Hulk, uscirà da solo, facendosi strada con le mani!
Ovviamente il mio stato d'animo ne ha risentito parecchio: già di per sé l'asma è una cosa abbastanza terrorizzante, soprattutto quando ti trovi in queste situazioni in cui è evidente che non riesci a controllarla (il fatto di essere andata ad un funerale di un ragazzo morto d'asma poi non aiuta ad avere pensieri positivi), in più ho realizzato solo in questi giorni che realmente durante queste fasi introietto meno ossigeno e realmente al panzerotto ne può arrivare meno.. e le conseguenze possono essere parecchio brutte.. non sto a dire i pianti notturni che mi sono fatta, meno male che c'è santo maritozzo sempre pronto a consolarmi, sostenermi e contenermi :)
Per finire la storia, mia madre ha avuto l'illuminazione "devi comprarti il purificatore d'aria".. "grande ma', io ci avevo pensato per il bimbulo ma mi ca per me!" e allora via alle ricerche. Ma.. ieri sera abbiamo girato 3 posti e non l'ombra di un purificatore.. ma se non li vendono in primavera, quando pensano di venderli????? E così ho sguinzagliato madre e marito.. vediamo chi lo trova prima, sperando che sia presto perché intanto ahimé ha smesso di piovere..

p.s. almeno per il momento ho risolto la questione del reggiseno, dato che non lo posso mettere! :D

mercoledì 24 marzo 2010

l'allevamento Morini ha chiuso!

Sono talmente felice per questa notizia che non posso non scrivere un post..
Ho appena saputo che ha chiuso l'allevamento Morini, un allevamento di animali per la vivisezione (per maggiori informazioni http://www.chiuderemorini.net/ ), dopo anni e anni di lotte a tutti i livelli finalmente ci si è riusciti!
Un grazie con tutto il cuore ai volontari che in prima persona si sono fatti arrestare, menare, insultare per questa causa, che sono stati tutti i giorni davanti ai cancelli per fare informazione, che hanno informato i vicini, che talvolta sono anche riusciti a liberare qualche animale.
Ora più di 400 beagle sono in cerca di adozione, ovviamente sono terrorizzati, per cui è opportuno che chi voglia adottarli abbia un po' di esperienza :)

martedì 23 marzo 2010

diciassettesima settimana

Uff, di nuovo dolori a go-go.. beh, era ovvio, per due giorni ho avuto tipo 4 contrazioni su tutto il giorno, doveva recuperare no?
Poi ormai sono quasi 24 ore che ho male in un punto preciso della panza (ma molto a sinistra) per cui... diamo il via alle paranoie ipocondriache!!
Per distrarmi da pensieri nefasti e da ansie da anticipazione (per cui vorrei svegliarmi domani già ad agosto) cerco di prendere in mano la questione corredino e quella, ancor più scottante, del fantomatico trio passeggino-navicella-ovetto. L'argomento mi getta nello sconforto più totale e nel disorientamento più acuto, tanto che.. sto pensando di non prenderlo!!
La riflessione nasce anche dal fatto che leggo su molti forum che la navicella mediamente non è molto usata, inoltre noi abbiamo una macchina a tre porte, per cui tirare fuori/dentro tutte le vole una navicella o un ovetto non credo sia il massimo della comodità. Poi abbiamo intenzione di usare la fascia.. per cui la pensata è questa: fascia per andare in giro e passeggino iper reclinabile (così il maritozzo è tranquillo ;) ), per dormire direttamente il lettino con riduttore (ho visto il materassino cocoon-a-baby e mi ispira un sacco!)..
Non per altro, ma mi spiacerebbe spendere un botto di soldi in qualcosa che poi utilizziamo poco e imbroglia pure!
Poi l'altro problema sella settimana è: il reggiseno. Ora, a me il seno ha preso due taglie subito, nel giro di un mese, il problema è che io ho il torace stretto (ovvero da 2^) mi trovo un seno che con le taglie normali non c'entra un tubo (ovvero una 4^). siccome ho provato a prendere reggiseni più grandi e a cucirli per stringerli, ma il risultato non è stato un granché, ho comprato del playtex (sisì, quelli della nonna!), almeno hanno le misure variabili delle coppe.
"Bene, hai risolto" direte voi.. e invece no! Notoriamente sono una persona iper allergica, da quando sono in gravidanza la cosa è peggiorata, e nell'ultimo mese, oltre e dermatiti e eczemi vari, mi ritrovo ad avere orticarie almeno una volta al giorno.. e i simpatici sbiechi dei suddetti reggiseni sono una tortura!! Al di là del fatto che mi gratto tutto il giorno e mi sembra di avere addosso un cilicio, la sera mi ritrovo simpatiche fantasie rosse a righe e a pois, che mi rendono molto trendy..
Ho pensato allora di provare a prendere direttamente quelli da allattamento, ma devo trovarli senza cuciture e.. di una taglia fattibile, ho dato un'occhiata sul web, ma on line ovviamente non li posso provare, ma d'altro canto non posso nemmeno andare in giro a fare shopping..
Insomma questo è il caso emblematico della settimana, se qualcuna avesse qualche consiglio/dritta/suggerimento in materia.. sarà assolutamente benvenuto!

giovedì 18 marzo 2010

sedicesima settimana (..e un po')

Un pochino in ritardo, ma mi rifaccio viva!
Abbiamo fatto la visita giovedì e l'ecografia di controllo e.. abbiamo visto il faccino del nostro bimbo!! che emozione!! Si vedeva benissimo.. la colonna vertebrale, le ossicine delle mai e dei piedi, gli occhi, il naso, la bocca.. Stava giocando allegramente con il cordone ombelicale (per una volta non s stava grattando la testa!), ma non siamo riusciti a vedere il sesso perché stava con le gambe incrociate (che bimbo zen!).. però siamo tornati a casa con la foto della manina, così
abbiamo potuto mandare i suoi saluti ai nonni, agli zii, alla nonna bis (anche se era senz'occhiali e non so quanto ci abbia visto!!)


Non è una meraviglia???

Ed ecco a voi il mio panzone in anteprima (anche se la foto lascia molto a desiderare perché me la sono fatta da sola).. chissà ad agosto quanto sarò grossa!! Ma almeno il panzerotto sta al largo, poi dimensioni a parte ho preso solo ora il primo kg dall'inizio della gravidanza, per cui.. :)


p.s. notare la maglietta con annessa pecora patagonica! ;)

giovedì 11 marzo 2010

vorrei vorrei.. di part-time e di papà

Come penso si fosse già intuito sono nel periodo "progetti-desideri" a mille. Al di là dell'inventarmi un nuovo progetto di vita (per lo più irrealizzabile) ogni giorno che passa (dal gattile con annessa lungodegenza per animali infermi all'agriturismo per vacanze bio con beauty farm e fattoria didattica) e di farmi mille pensieri su come cambiare il mondo, rifletto ovviamente anche sulla nostra condizione di famiglia e lavoro. Ora, certo è che vorrei un lavoro che non mi togliesse troppo tempo: la vita è una sola e passarla solo a lavorare non è certo nelle mie intenzioni, per quanto possa essere bello il lavoro. Ma per ora il problema non si pone: da luglio sarò di nuovo disoccupata e senza la più pallida idea di che fare delle mie ossa, ma non importa perché sicuramente qualche idea mi verrà e poi sono 10 anni che lavoro, ho rinunciato a due tempi indeterminati, ma non sono mai stata con le mani in mano e certo non sono una persona che ha paura del cambiamento.
Però, oltre a questa, un'altra riflessione si fa prepotente nella mia testa: si parla tanto di part-time per le mamme, di conciliazione casa-famiglia sempre per le mamme (e già tutte queste cose sono in genere abbastanza inesistenti)... ma.. i papà??????
Sti poveri papà hanno ancora meno diritti di noi e inoltre non esiste quasi l'idea che un papà possa sentire l'esigenza di stare a casa con la propria famiglia. Mio marito parte la mattina e arriva alle 19 di sera. Tutti i giorni. E qualche volta gli tocca lavorare anche la sera o il fine settimana (e per uno stipendio che non vi sto a dire quanto poco sia allineato con ciò che meriterebbe). Quando rientra a casa è un'ameba, riesce a malapena a parlare. Poi è così: anche su di lui è stata impiantata la cultura del "cavaliere-del-lavoro" per cui si continua ad andare a lavorare a tutti i costi, fino a che non si è moribondi e in fin di vita.
Ieri sera gli ho chiesto: "ma per il lavoro che fai tu (fa il programmatore n.d.r.), hanno proprio bisogno che tu sia fisicamente in ufficio?", pensando tra me e me "chi meglio di un programmatore potrebbe facilmente telelavorare??". Mi risponde "in teoria no ma in pratica sì" e il succo è stato che il lavoro ovviamente potrebbe svolgerlo ovunque, ma se è lì i suoi datori di lavoro hanno l'impressione di controllarlo di più. Ovviamente inorridisco.
Ora, già mal sopporto di per me questo genere di condizione, ora che arriverà il panzerotto francamente la trovo ancora più intollerabile. Perché mio marito sarà un padre meraviglioso, ne sono certa, e mi fa incredibilmente arrabbiare che debba sacrificare il suo tempo con noi.. per chi poi????
E quindi non lo so, ma rimugino, rimugino..

martedì 9 marzo 2010

Quindicesima settimana

E' ufficiale: ormai a casa sembra che sia esplosa una bomba! Stiamo spostando, epurando, travasando e c'è roba ovunque e dappertutto. Ma ormai la prendo con filosofia: pian pianino tutto andrà al suo posto :)
La panza si è ingrandita ancora e mia madre si è sconvolta per la sua grandezza.. ahah! La sera cerco di sentire il panzerotto, ma sarà la placenta anteriore, sarà che alla fine è ancora piccoletto, per quanto cresca, percepisco dei movimenti con la mano ma non so se siano suoi, della mia pancia o di che..
Per il resto della giornata in realtà il pensiero mi va ad altre cose: o ad altri pensieri o a progetti e robe pratiche.. questa specie di "distacco" mi perplime un po': non so se sia normale o se invece dovrei stare lì tutto il giorno a tentare di comunicare con il personaggio, anche se in realtà è un po' piccolino e magari non rompergli troppo le balle è meglio..

lunedì 8 marzo 2010

ma cosa c'è da festeggiare?

Devo dire che era un po' di tempo che non mi sentivo così nervosa e arrabbiata.
Sarà che ho iniziato a leggere "Adesso basta" di Simone Perotti, libro sul downshifting che da' adito a pensieri che sono in me da diverso tempo e mi fa aumentare la voglia di andarmene a vivere in montagna, con un orto, un pezzetto di bosco e un paio di pecore..
Sarà che ieri ho guardato "Presa diretta", in una puntata sulle energie rinnovabili, e i sentimenti di rabbia, delusione e frustrazione per quello che combina il nostro governo aumenta, purtroppo parallelamente al sentimento di impotenza travolgente che ne consegue..
Sarà che oggi è la festa della donna, e mai come ora sento così forte l'ipocrisia che emanano dichiarazioni e auguri..
E il nervoso ha continuato a lievitare..
.. e allora ho vignettato






lunedì 1 marzo 2010

Quattordicesima settimana

Questa settimana ho iniziato la lettura di questo bellissimo libro di Gabriella Ferrari "La comunicazione e il dialogo dei nove mesi", ed. Mediterranee

Lo sto trovando commovente e illuminante, e grazie a questa lettura ho deciso di smettere -per quanto mi sia possibile- di aver paura e di pensare al panzerotto come essere presente (quale è) e non come "un bimbo che se va tutto bene nascerà". E' più forte la consapevolezza del fatto di essere già ora genitori e non di dovere in qualche modo aspettare ad esserlo.
E quindi pazienza se siamo pieni di contrazioni, ce la faremo!! :)
Conseguentemente a questi pensieri la mia vena super-organizzativa non poteva esimersi dal mettersi in moto, per cui pian pianino (mooooolto pian pianino) sto svuotando la cassettiera che servirà per il panzerotto, tentando di eliminare il superfluo e sistemare altrimenti ciò che utile; in più ho ripreso le mie ricerche su passeggini e co., per ora sempre con scarsi risultati.
Oggi ho provato a telefonare in consultorio per il corso di accompagnamento alla nascita, col risultato che domani dovrò chiamare in ospedale per sentire se hanno ancora posto lì.. e io che pensavo di essere partita in stra-anticipo!!!!