giovedì 26 agosto 2010

é arrivato il tartarugo!!!!

Domenica sera è nato finalmente il panzerotto tartarughesco.. è meraviglioso e mamma e papà sono felicissimi!!!





lunedì 16 agosto 2010

trentottesima settimana


Ormai due settimane al termine.. il tartarugo cresce parecchio e nonostante l'abbassamento della pancia mi ritrovo spesso e volentieri i suoi piedini a spingere sulle costole anche da sdraiata. Sabato si deve essere incanalato: ho iniziato a sentire un peso sulla vescica e ora la pancia mi si appoggia sulle gambe, quando sono seduta.. Di sollievo respiratorio non se ne parla, ma in senso fisico il sollievo ormai esiste poco, su qualsiasi frangente: respiratorio, digestivo, posturale..
Sono pronta: ho ringraziato la mia pancia e tutto ciò che ha contribuito a portare avanti questa esperienza così bella.. e adesso sono seduta e aspetto.
Certo, desidererei che succedesse subito, perché ho proprio voglia di vederlo, di abbracciarlo, di passare semplicemente alla fase successiva, però aspetto: il fatto di essere genitore parte anche da qui, dal saper aspettare i suoi tempi, anche se non combaciano con i miei.
E quindi mi vivo l'attesa, con calma: leggo, mi riposo per quel che riesco e faccio ciò di cui ho voglia e stop..

A proposito di lettura: ho letto un libro molto bello (e ormai altrettanto famoso), ovvero "besame mucho" di C.Gonzales.. Lo consiglio e lo stra-consiglio, non solo a genitori, ma anche ad educatori ed educatrici, soprattutto a chi lavora nei nidi. Pedagogicamente l'ho trovato abbastanza "rivoluzionario" e mi ha fatto riflettere molto il suo punto di vista così diverso e al contempo reale e razionale su pratiche educative considerate "di base" da chi, come me, fa della pedagogia il suo mestiere.


mercoledì 11 agosto 2010

produzione intensiva di bavaglini

Dopo aver terminato il fiocco, ho finalmente provveduto alla scorta bavaglinesca che fino ad ora contava solo due esemplari.. così ieri ne ho prodotti ben sei..
Eccoli!







Penso che per il momento potremmo ritenerci sufficientemente equipaggiati!

lunedì 9 agosto 2010

trentasettesima settimana

Ufficialmente a termine oramai :)
La pancia cresce a vista d'occhio (e i kg anche!!), la sciatica mi pianta la gamba ogni cinque minuti, il reflusso e la mancanza di respiro mi fanno compagnia tutte le notti.. ormai non ho più ritmi di sonno normali, non c'è più notte né giorno: in qualsiasi momento posso coricarmi e addormentarmi, ma per non più di due ore. Direi che la sregolatezza di ritmi che tanto mi ha aiutata quando facevo i turni in comunità penso che mi tornerà nuovamente utile in questa avventura..
Le emozioni sono tante e strane: da una parte la voglia che nasca subito, il desiderio di vederlo, di sperimentare e iniziare questa nuova avventura extra-uterina; dall'altra la consapevolezza che nulla sarà mai più come prima, i dubbi e le domande su come saremo noi (io e il maritozzo) come individui, come coppia, come genitori, come ci adatteremo a questo nuovo cambiamento così forte..
E poi i giorni in cui sembra che non uscirà mai, con l'impressione che sia tutto fermo ed eternato in questo stadio e dall'altra il rendersi conto di quanto il nostro legame e la nostra comunicazione si sia intensificata ed evoluta, la necessità di parlargli e raccontargli, di domandargli..
Ho finalmente finito di fare il fiocco e sono così emozionata in questo momento di attesa totalizzante, al pensiero del mio tartarughino che tra un po' uscirà e finalmente potremo stringerlo in una nuova maniera a noi..

venerdì 6 agosto 2010

i venerdì del libro: "Se niente importa"

Normalmente non riesco a stare dietro a queste iniziative (come quella di Nati per Delinquere del mercoledì "al cinema"), non perché non le gradisca, anzi, ma semplicemente per pigrizia ed incostanza. Ma questa volta partecipo anch'io (anche se potrebbe essere l'unica volta), perché questo libro dovrebbero leggerlo tutti/e. Perché se la scuola avesse ancora un minimo di valenza educativa dovrebbero renderlo obbligatorio (altro che "Promessi sposi"). Ma sappiamo bene che l'abitudine a pensare non è negli interessi di nessuno, e quindi mi limito a scriverne, almeno quello.

Il libro in questione è "Se niente importa", di Jonathan Safran Foer (l'autore di "Ogni cosa è illuminata", per intenderci); sottotitolo "Perché mangiamo gli animali?"


Ho iniziato a leggerlo ieri sera e oggi pomeriggio l'ho finito. Un bel libro che ha come tema il cibo, il cosa significhi mangiare carne, affrontato da tanti punti di vista (sociale, etico..).
Questo libro mi è piaciuto innanzitutto e soprattutto per l'approccio poco vegetariano, nel senso che non è uno scritto teso a dimostrare l'importanza di una scelta vegetariana, ma che cerca di informare, semplicemente, di creare consapevolezza, poi ognuno farà la scelta che ritiene giusta, come è giusto che sia.
Leggere questo libro mi fa riflettere sul grado di inconsapevolezza che regna in ogni gesto, scelta, abitudine che facciamo nella nostra vita. E sulla necessità di informarsi e di sapere. Sempre. E sulla realtà triste che invece incontro quotidianamente, anche nelle persone che mi sono più vicine, della comodità del non domandarsi, non chiedersi niente, andare avanti così, per forza di inerzia e di abitudine. E l'importanza invece di una scelta consapevole, di una vita consapevole. Non importa tanto ciò che fai o scegli, ma il fatto che tu lo faccia a ragion veduta, per quanto possibile, anche se è ovviamente più faticoso. Ma che senso ha vivere se non ci si chiede nemmeno il perché delle cose, se si fa in continuazione finta di non vedere, non sentire, non sapere?
Questo "domandarsi" è ciò che i miei genitori hanno desiderato per me, ed è ciò che di più prezioso vorrei regalare a mio figlio. Perché "se niente importa, non c'è niente da salvare".



mercoledì 4 agosto 2010

.. di dubbi, di informazione e di pratiche neonatali

Oggi, all'interno del corso pre-parto, abbiamo avuto l'incontro con la vigilatrice d'infanzia.. Premetto subito che non ci sono stata a discutere, anche perché dopo affermazioni del tipo "per fare latte bisogna bere tanto" (quindi se bevo 10 litri di acqua poi ci posso fare il formaggio da quanto ne ho??), "se il bambino non mangia non fa la pipì" (infatti è risaputo che se si passa una giornata senza bere non si fa la pipì nemmeno una volta) e "il latte materno non ha sufficiente vitamina k" (infatti il genere umano si estinto per sindrome emorragica del neonato, perché non avevano ancora inventato gli integratori) sinceramente mi chiedo che discuterei a fare.
Ora sono rimasta un po' allibita da alcune cosette.. a parte il piglio in base alla quale vieni trattata da genitore psicolabile da rassicurare a tutti i costi (ovviamente la scelta consapevole non è contemplata), fondamentalmente le perplessità forti rimangono su tre argomenti:

- la famosa vitamina k: in questo ospedale si fa di prassi, per fortuna non fanno l'iniezione (che secondo alcuni studi è correlabile ad un'incidenza di tumori e leucemie infantili ed altre amenità), ma danno le sole gocce. Il problema è che ovviamente danno le gocce di konakion, che è pieno di conservanti tossici e cancerogeni.. è pur anche vero che in tutto ne dovrebbe prendere 6 gocce (2 al giorno), poi a casa gli daremmo un prodotto più sano, per cui abbiamo deciso che su questo possiamo scendere a compromessi

- la profilassi antibiotica: anche questa purtroppo qui si fa di routine, anche se non è chiaro se sia quella contro lo streptococco B (e allora il tampone che l'ho fatto a fare???) o contro la Clamidia e il gonococco. Le linee guida in teoria sarebbero di somministrare la profilassi solo per le persone a rischio, ma qui ovviamente viene più comodo fare che farla a tutti. In generale di qualsiasi antibiotico si tratti ovviamente espone il neonato ad innalzamento di rischio di allergie e asma (e avendo io entrambe non mi sembra una genialata), oltre al fatto che l'uso a tappeto di antibiotici fa si che si sviluppino ceppi resistenti. Inoltre in molti casi la profilassi non è sufficiente a stroncare alcuni tipi di infezioni (per lo streptococco B non serve a nulla in caso di infezioni che si manifestano dopo qualche giorno, che tre l'altro sono le più rischiose; nel secondo caso si può avere qualche problema ad eradicare il gonococco) e -soprattutto- l'utilizzo dell'antibiotico butta giù le difese immunitarie, per cui il neonato si trova completamente esposto a tutte le altre infezioni.. L'unico dubbio è rispetto al tampone, perché a quanto pare ci sono stati dei casi di falsi negativi.. E qui è dura decidere..

- l'aspirazione: purtroppo anche questa si fa ancora di routine.. già di per sé l'idea che infilino un tubo un gola e nel naso del mio piccolo senza una reale necessità non mi entusiasma, anche perché immagino che essendo una procedura invasiva potrebbe avere giusto qualche rischio (tra l'altro: perché per fare una gastroscopia mi fanno firmare un consenso informato e per fare una procedura simile no??), poi scopro che oltretutto secondo molti studi è una procedura che non ha nessuna utilità..

Ora ci troviamo a dover prendere le decisioni riguardanti queste cose, decisioni che non ci viene chiesto di fare, ma che ci vengono imposte senza alcuna informazione, ma solo "perché si fa", decisioni che se discordanti dalla prassi dovremmo a nostra volta imporre al personale medico, perché di certe cose non si può parlare, non è consentito metterle in discussione.
E questo non è che l'inizio.. quando penso quando sarà ora del vaccino... :D

p.s. qualche link a tema:

lunedì 2 agosto 2010

trentaseiesima settimana

Sono stanca, stanchissima, alla frutta.. lo stato di prostrazione studiato apposta per facilitare il distacco si sta prodigando parecchio in questi giorni e non ne posso più..
Giovedì ho fatto la visita e la ginecologa mi ha detto che è tutto chiuso ma il collo dell'utero si è accorciato, in più ho spesso dolori vari.. so che non significa nulla, che potrei andare avanti così per settimane, ma almeno mi da' la sensazione che qualcosa finalmente di muova!!
Ieri ho iniziato con la cura omeopatica di preparazione al parto.
Ora mi devo mettere seriamente a finire il fiocco però!!!
Intanto vi posto una fotina della panciona... :D