domenica 10 luglio 2011

ci sono momenti faticosi..

Ci sono momenti faticosi, in cui tocchi i tuoi limiti in una maniera così concreta tale da percepirne quasi forma e spessore, che potresti quasi disegnarli.
Momenti in cui non ci sei mai abbastanza, in cui non ti dai nemmeno la sufficienza.
Per tuo marito, prima in ospedale e ora a casa, che non riesci a sostenere come vorresti e che si vede continuamente menomata la tua presenza, fisica e mentale.
Per tuo figlio, in un'età in cui è ancora difficile spiegare gli eventi (ma tu ci provi lo stesso), a cui chiedi tanto, che si trova un po' sballottato, in ambienti e situazioni a lui poco consoni, con una mamma con poco spazio mentale e molto più nervosa del solito.
Momenti di paura per l'intervento, che qualcosa vada storto; momenti di preoccupazione, per l'inappetenza di tuo figlio prima e per la dieta di tuo marito dopo; momenti di tensione: con i medici, con le infermiere, con i parenti; momenti in cui ti assalgono i sensi di colpa e ti lasciano senza fiato; momenti di inconvenienti che contribuiscono ad appesantire le giornate; momenti in cui sbrodoli tutto, pesantemente, e dopo una discussione col medico ti metti a piangere proprio davanti a tuo marito appena operato.
D'altro canto il bagaglio esperienzale si arricchisce: imparare ad accettare che si sta facendo il meglio che si può (anche se questo è molto lontano dal minimo sindacale), imparare a contrattare (anche se per necessità, non per piacere del confronto).
Sono periodi impegnativi, ma pervasi dalla certezza che pian piano cedono il passo a giornate meno tese e più serene, in cui cerco con molta fatica di non darmi troppo addosso e di recuperare almeno un po' di presenza mentale da regalare ai miei due amori.

15 commenti:

  1. A volte è dura , ma in un modo o nell'altro dobbiamo farcela! Coraggio che sei la roccia della tua famiglia.

    RispondiElimina
  2. Forza Silvia!!anche io sono in un periodo duro...e non si finisce mai di imparare da questi periodi di fatica....fatti aiutare, da tua mamma, da qualche tuo parente, da un'amica...fatti sostenere..a volte non si riesce a fare tutto da sole...;)))
    un bacio!!

    RispondiElimina
  3. "Forza e coraggio che il male è di passaggio!" Me lo diceva sempre mia nonna.
    Resisti e non aver paura di chiedere aiuto, come ha detto giustamente Valentina. Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  4. Passerà...perchè tutto scorre...anche io ho attraversato dei momenti bui bui qualche mese fa, con mio marito che stava male, la piccola troppo piccola e poco aiuto esterno...ma è passata!
    Oggi se guardo un pò indietro mi chiedo come ho fatto a reggere il peso di tutto...ma è andata bene...perciò non temere, "tutto quello che non uccide fortifica"!
    Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  5. Cara... forza, coraggio! Piano piano vedrai che tutto si sistemerà..
    Ti sono vicina!

    RispondiElimina
  6. Ciao cara,lo so che a volte le parole non bastano...perchè in quella situazione ci sei tu e non qualcun altro...ma ugualmente voglio dirti "guarda avanti!sappi che finirà il momento buio, perchè E' UN MOMENTO!e passerà grazie alla tua energia e alla tua forza di volontà,ma soprttutto grazie al tuo Amore!...Noi"amiche bloggine"ti siamo vicine!!!
    Un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina
  7. ci sta tutto Sibia, è un momentaccio in cui devi rendere a mille.. Non darti colpe che non hai, non sminuire quello che stai facendo. Ormai il peggio è passato, vedrai che tra poco sarà ià tutto oltre.. Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Sono appena approdata qui, non ti conosco (ancora), però ti lascio un abbraccio. Coraggio!

    RispondiElimina
  9. Anch'io non ti conosco(ancora), ma credo che sentirsi vicino ad altri cuori il tuo possa sollevarsi un pò.. augurandoti solo il meglio.. ti sorrido.. Valeria

    RispondiElimina
  10. grazie, grazie per la vicinanza!! Pian pianino inizia ad andare un po' meglio, e vedere il maritozzo ogni tanto in piedi mi fa vedere tutto meglio!!!

    RispondiElimina