martedì 24 novembre 2009

come inserire un nuovo animaletto in un gruppo di gatti già avviato..

Allora la tecnica è questa (oramai di comprovata esperienza): Portare il nuovo arrivato in trasportino fino ad una stanza che verrà chiusa immediatamente (gli altri gatti non devono entrare): può essere qualsiasi locale, l'importante è che possa non essere accessibile agli altri gatti anche per qualche giorno. Avere cura che nella stanza sia presente acqua, cibo e una cassettina con la sabbietta. A questo punto liberare il micio (se è un micio) e lasciagli prendere confidenza con l'ambiente, poi uscire e andare a coccolare gli altri, per rassicurarli. Ogni tanto andare a vedere come sta il "novellino", ma senza stare solo con lui per non creare troppe gelosie. Facendo così i gatti del gruppo prenderanno confidenza con l'odore del nuovo arrivato. Quando sembra che siano ormai tranquilli mettere il nuovo micio nel trasportino, chiuderlo, aprire la porta e lasciare che gli altri mici vadano a vederlo. Non intervenire qualsiasi reazione abbiano, tanto con il trasportino non si possono fare male. A questo punto richiudere la porta con i gatti "vecchi" fuori e ri-liberare il nuovo arrivato. Aspettare che la situazione sia tranquilla e valutare se ripetere questa fase o passare alla successiva, che prevede l'apertura della porta con tutti i gatti liberi. Ci possono essere svariate reazioni a seconda del gruppo e dei gatti singoli, dalla paura all'aggressività: cercare di non intervenire e non spaventarsi se volasse qualche zampata e soprattutto un sacco di soffiate (in casa mia tirava un'aria almeno per una settimana!! sembrava di stare in un covo di cobra). Questo momento è molto importante perchè comporta una definizione e ridefinizione dei ruoli all'interno del gruppo e quindi non bisogna immischiarsi. Piuttosto, se ci dovesse essere qualche situazione veramente drammatica, limitare i momenti di convivialità tutti insieme ed ampliarli gradualmente. E' comunque consigliabile che, fino a che la situazione non si sia un poco tranquillizzata (ovvero fino a che non si menano più, poi magari si soffiano, ma questo non è un problema), stiano tutti insieme solo quando possiamo monitorare un po'.
Tutte le volte che ho utilizzato questa modalità in un paio di giorni la questione era risolta, magari volava ancora qualche soffiata, ma niente di che.
La cosa fondamentale è non avere fretta e le cose poi se le sistemano da sè..
:)

6 commenti:

  1. Esattamente la modalità di inserimento eseguita da me.
    tra maschio e femmina nel giro di una settimana era già tutto a posto. Coi due maschi (in cui uno dei due era quello che era stato inserito con la femmina di cui sopra) è stato un disastro, tanto che si odiano anche adesso e spesso trovo uno dei due con graffi (quando non con morsi in due circostanze, ed in entrambi i casi si è andati di antibiotico per 5 gg).
    Abbiamo potuto tenerli insieme solo perchè, casualmente, c'è stato un trasloco che ha un po' ridefinito le carte, tra quello che già era in casa e l'ultimo arrivato...
    Purtroppo nonostante tutto molto dipende anche per i gatti dal carattere.
    In ogni caso è il metodo che secondo me può essere il migliore e più graduale per loro, nel mio caso una volta su due è andata bene!

    RispondiElimina
  2. Sono corsa a leggere le "istruzioni per l'uso" e mi sembra di aver capito come funziona.
    Proprio oggi abbiamo provato a far vedere il piccolino - che era fuori - ai 2 residenti all'interno della casa: i "vecchi" erano tranquilli, il giovincello ha cominciato a soffiare come un mantice. Tanto che i 2 in casa sono battuti in ritirata.
    Il Piccolino è molto affettuoso, non ha nessuna paura degli umani e so che a casa sua ci sono altri 2 gatti (di cui la sua mamma)perciò dovrebbe essere abbastanza abituato alla compagnia a 2 e a 4 zampe!
    Quando ho inserito la Pisella, è andato tutto molto bene: il Nano, già residente, l'ha accolta a zampe aperte e lei non è mai stata aggressiva. Un buon carattere tutti e due.
    Infatti vivono d'amore e d'accordo.
    Comunque, grazie mille per le preziose informazioni. Ne terremo conto al momento giusto ;-)

    RispondiElimina
  3. Prego! spero che ti siano utili.. ah, per la cronaca i miei sono 4 gatti maschi :)
    Sarah, sono d'accordo: dipende molto dai gatti, comunque anche tra i miei c'è chi va più d'accordo e chi meno, chi ci ha messo di più e chi meno, comunque ora convivono tutti abbastanza pacificamente :)

    RispondiElimina
  4. interessante... se mai dovessi prendere dei gattini... :-)
    bacio
    Laura

    RispondiElimina
  5. ciao sibia, grazie per le visite al mio blog!
    interessante il tuo post, io ho due mici e quando abbiamo "introdotto" il secondo, la prima non era molto contenta!!! dopo i primi momenti di diffidenza però sono andati d'amore e d'accordo e ancora adesso stanno "vicini vicini"

    ciao ciao
    eli

    RispondiElimina
  6. interessante questo post, e molto utile per molte persone!!! baciotti fede

    RispondiElimina