mercoledì 6 aprile 2011

la logica del bambolotto

La logica del bambolotto ahimé appartiene alla stragrande maggioranza della nostra popolazione e fa sì che:
- passanti e sconosciuti si sentano in diritto di toccare e sbaciucchiare ogni bimbo o neonato che incontrano
- conoscenti e parenti si sentano in diritto di prendere in braccio qualsiasi bimbo o neonato
- bambini e neonati siano subissati di richieste, rumori, gridolini, spesso da più persone contemporaneamente
Questi ovviamente sono solo tre macroscopici esempi, accumunati però tutti da una stessa caratteristica: la mancanza di rispetto del bambino.
Nessuno mette in discussione la buona fede, ma.. come la prenderebbero le stesse persone se dei perfetti sconosciuti si fermassero e le baciassero? Io non credo che sarebbero tanto contente, anzi magari partirebbe anche qualche denuncia per molestia.
E allora mi chiedo: se il rispetto che si deve all'adulto contempla in primis il rispetto degli spazi vitali, perché per un bambino dovrebbe essere diverso? Più sono piccoli e più i bimbi hanno bisogno di protezione e quindi in realtà il rispetto che si dovrebbe avere nei loro confronti dovrebbe essere superiore, non inferiore.
Questa riflessione ha permeato la mia vita da mamma da quando il tartarugo è uscito dalla mia pancia e ho dovuto confrontarmi con l'accoglienza del mondo che -per quanto gioiosa- tutto è tranne che attenta alle esigenze di un neonato, che viene invece vissuto alla stregua di un bambolotto.
All'inizio sono stata molto zitta (ahimé), poi col passare dei mesi, la stabilizzazione della famiglia e l'approfondimento di tematiche inerenti mi sono fatta forza e insieme al maritozzo ho deciso che nessuno avrebbe più preso in braccio il tarta a meno che non fosse conosciuto da lui benissimo (quindi solo nonni e zii) o che fosse lui stesso a richiederlo. Le persone rimangono perplesse quando chiedono "posso prenderlo?" o "me lo dai?" (come fosse una cosa O.o) e si sentono rispondere "se vuole venire", perché davvero non c'è abitudine a pensare ad un bambino piccolo come un essere senziente, a sé stante, con una volontà propria, una sensibilità delicata e -soprattutto- degna di rispetto, dello stesso rispetto (almeno) che si da' a chiunque altro.
E riflettendoci la causa credo che sia nel fatto che non parli.. ma tratteremmo allo stesso modo un muto? io non credo.

24 commenti:

  1. Io ho sempre sostenuto e applicato ciò che scrivi. Mi hanno sempre dato della "tipa poco simpatica", ma io difendo mia figlia dalle "Invasioni", chiedendole sempre se le va di fare quel che le chiedono, e le insegno a rispettare e a farsi rispettare. Credo che valga ben qualche critica.
    :-)

    RispondiElimina
  2. haha! tanto vero... a me fortunatamente è capitato poche volte, soprattutto i primissimi giorni di vita della mia monella! non ho mai detto niente... o forse non volendo si, visti gli sguardi interdetti che mi tornavano indietro! ;)

    RispondiElimina
  3. ops...io ho il problema opposto...sempre!
    non ho bambini,ma penso che per una mamma sia irritante che il proprio pargolo venga appunto sballottato e/o sbaciucchiato e quindi non tocco,non bacio e non prendo in braccio e....che succede sempre???
    ecco le mammme mi obbligano!
    ma dai prendilo in braccio,ma che non ti piace che non lo tocchi?,ma neanche un bacino gli dai?,mi offendo se non lo prendi ...e via così,ogni volta!
    O_O ecco io invece preferisco fargli un bel sorriso e vederlo contraccambiare che vederlo piangere tra le mie braccia impedite che mamma ancora non sono e magari assumo anche una posizione scorrettissima ed il povero si dispera!
    io continuo a non toccarli e a non pretendere nulla...ma mamme insistenti ce ne sono e alcune mi hanno anche risposto dopo i miei no grazie non me la sento "e dai che mi riposo 5 minuti..."...ah...ecco perchè....

    RispondiElimina
  4. Ah ah ah non sono la sola ollora!Solitamente mi guardano con sdegno! ;-)

    RispondiElimina
  5. Bravissima!!!! penso che sia uno scoglio in cui tutte le neo mamme prima o poi s'imbattono e solitamente nessuno ne parla o le avvisa prima!!!Da mamma di bimbi ormai grandicelli quando vedo amiche o conoscenti con neonati mi verrebbe una gran voglia di spupazzarmeli ma poi mi ricordo delle sensazioni che provavo quando ero io nelle loro condizioni e mi limito a guardare!

    RispondiElimina
  6. Ciao, vuoi vincere 50euro da spendere da H&M?
    Vieni nel mio blog e partecipa al concorso (completamente gratuito e facile). Un bacio

    http://serenosekai.blogspot.com/

    RispondiElimina
  7. che bello sentire condivisione per questi pensieri.. questo mi da' molta forza :)

    @Luby: io condivido come ti comporti e ti dirò di più: anch'io mi sono sempre comportata così, pur essendo un'educatrice.. il brutto che spesso sono le persone con figli ad avere meno rispetto per i bimbi, purtroppo.. come dice un detto piemontese "troppa confidenza si perde la riverenza"?

    @ Sere no Sekai: mi spiace che il tuo intervento su questo blog si sia limitato alla pubblicità del tuo blog, sarebbe stato carino almeno avessi scritto cosa pensi di ciò che scrivo.. comunque grazie, ma non sono interessata allo sconto da H&M

    RispondiElimina
  8. come hai ragione Sibia.

    cmq c'è da dire che i miei figli hanno sempre manifestato le loro preferenze, e meno male! perchè come dici tu, non sono bambolotti!

    baci

    RispondiElimina
  9. leggo solo ora, dopo che di questo post mi ha parlato, lodandolo, mamma C...
    concordo in pieno e, al tempo di Simo piccolo, adottai metodi spesso anche duri e scortesi nei confronti di chi si comportava in modo intrusivo e insistente...
    STANDING OVATION anche da me!!!

    RispondiElimina
  10. ha ecco e io che pensavo di essere una specie di statua di ghiaccio....o almeno così mi fa sentire la maggior parte della gente in relazione a questa tipologia di comportamenti.

    la chiave è il rispetto: manca, purtroppo, in tutti gli ambiti della nostra società. mi fa piacere pensare che ci sono molte persone che questo rispetto invece stanno cercando di farlo riaffiorare.
    un abbraccio :)
    Barbara

    RispondiElimina
  11. Carissima, mia suocera o anche altri più o meno sconosciuti si sentono in diritto di toccarti anche la pancia...E quando mi sono permessa di dire che mi dava fastidio, mi son sentita rispondere che ero una persona "un po' difficile e scontrosa"!!!Il rispetto al bambino parte aproprio da quando è ancora dentro la mamma!!! Naturalmente ho fatto la "difficile e scontrosa" anche quando è nato...cercando di soffocare la voglia di sbranare mia suocera ogni volta che lo voleva in braccio!!!quando avrò il secondo bambino (prima o poi arriverà, mi dico!)non lo prenderà in braccio prima dei 2 anni!!! Promesso.
    Ah, come sempre le tue parole e le argomentazioni riscuotono un enorme segiuto di proselite pronte a sfogare le proprie emozioni: saresti bravissima come counselor!!!
    Un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina
  12. Questo post mi ha fatto sorridere, sono cose capiate anche a me e ai miei figli, a partire dalla pancia, tutti volevano toccarla e per loro era un diritto, antipatica te che sottrai pancia e figli ai loro tocchi!!
    Ci sarebbe anche da scrivere un post lunghissimo sulla frasi che ti dicono quando smanacciano il pupo da ma non è vestito troppo (o troppo poco) a non va bene allattarlo dopo l’anno d’età (siamo a due anni d’allattamento per cui abbiamo sforato alla grande!!)

    Ho scoperto da poco il tuo blog ma sono sicura che verrò a trovarti spesso, condividiamo anche alcuni banner!!

    RispondiElimina
  13. Già.. anche questa cosa di toccare la pancia.. ma noi toccassimo la loro come si sentirebbero??
    Ogni tanto mi sembra proprio che la gente non pensi.

    RispondiElimina
  14. Sono d'accordo con te, per il rispetto sia verso i bambini che gli adulti, i contatti vanno desiderati. Non imposti, come molte altre cose del resto.

    RispondiElimina
  15. Beh.. penso che sia la natura che rende i cuccioli (anche di uomo) particolarmente attraenti e che ci fa venire voglia di accudirli. Certo che non essendo il "cucciolo" abbandonato, occorre prestare attenzione (pay attention!) alla mamma. ;-)
    Papà

    RispondiElimina
  16. hahahaha!io ho il figlio anti baciatore.
    negli anni ammetto di aver visto un sensibile miglioramento nei comportamenti della gente,e quando mi chiedono se possono spupazzare il nano,io dico che devono chiederlo a lui,e non a me,e aggiungo di non offendersi per la risposta che per me è scontata...

    "ammmmmoreee,posso darti un bacino/mi dai un bacino/vieni in braccio alla zia/dada/parente/chiunque io sia???????????eh eh???dai!vieniiiiii"
    superpupo:
    "no"

    io gongolo.non riescono a comprarselo con niente.gli fa proprio schifo il contatto.poi abbraccia le gambe amputate di un tizio in una clinica come se fosse la cosa più naturale del mondo...ma sia mai che tentino di baciarlo.potrebbe mordere.

    RispondiElimina
  17. @ papà.. appunto!! :D

    @ amrita: ahah, fortissimo! Il problema è finchè non parlano e "no" non lo possono dire...

    RispondiElimina
  18. Condivido tutto al 100%. Quando Topastro era piccino era davvero meraviglioso, (sono modesta, eh eh), e pure molto simpatico. Sorrideva a tutti i passanti ed appena ha iniziato a parlare ha cominciato a salutare tutti! E tutti volevano toccarlo. Ma come hai scritto tu, un bimbo non è un oggetto, e tra l'altro la maggior parte della gente voleva toccargli le mani, che poi lui metteva in bocca... Più di una volta sono stata tentata di dire quello che hai pensato tu: ma se io non ti conosco, mi avvicino a te e ti abbraccio, ti sbaciucchio, ti prendo le manine, ti do un pizzicotto sulla guancia... che fai???

    RispondiElimina
  19. già.. sarebbe un semplice connessione logica, ma la maggior parte della gente non la fa e purtroppo... più spesso sono persone con figli! :(

    RispondiElimina
  20. A me capitavano tantissime persone adulte, sopra la cinquantina. Ma anche genitori, si si! Uan volta un papà ha preso in braccio la sua bimba perchè potesse toccare il mio bimbo nel passeggino e io gli ho detto: No, non va bene! E lui non ricordo bene cosa mi avesse risposto.. una cosa sul genere: ma ha le mani pulite. Va beh!

    RispondiElimina
  21. Come se i problemi fossero tutti concentrati nei microbi.. sarà per questo che in Italia abbiamo sta manìa di sterilizzare tutto!!!

    RispondiElimina
  22. E' vero! Confesso che uno dei motivi per cui non volevo che toccassero le mani del mio bimbo era proprio una questione di igiene: non ti conosco, non so cosa hai toccato due minuti fa. Mentre a casa Topastro poteva leccare pure il pavimento se voleva. Ma il motivo principale era quello che hai esposto tu: non è un oggetto bello che hai voglia di toccare ma un bambino!

    RispondiElimina