domenica 25 aprile 2010

ventiduesima settimana

Questa settimana sono stata molto meglio ed ho potuto finalmente essere un po' più attiva (e meno male, che date le condizioni di salute precarie del maritozzo...): sono perfino riuscita a fare la spesa!
Ovviamente le dermatiti non mi lasciano scampo mai e sto pensando seriamente di propormi come oggetto di studio per il corso di laurea i dermatologia, vista la quantità e la varietà delle mie manifestazioni cutanee.. Dal dermatologo mi rifiuto di andare, perché tanto so che mi bombano di cortisone e dopo due settimane che ho finito la cura sono punto e a capo, per cui normalmente uso una crema omeopatica, ma al momento ho trovato maggiori ed incredibili benefici dalla pomata allo zinco (proprio quella per i sederini :D)! Ovviamente (chellodicoaffare) è rigorosamente Fitocose, ovvero senza petrolati, sostanze cancerogene varie ecc...

L'altra news riguarda la mia alimentazione: viste le suddette eruzioni cutanee (e viste le condizioni stomachesche del maritozzo) sto cercando di mangiare un po' più macrobiotico (e un po' più vegano), e ieri, grazie al libro che sto leggendo (di cui parlerò quando lo avrò terminato), mi sono posta l'annosa questione della B12. Ora, io sono vegetariana da quasi 14 anni, ma in effetti due anni fa mi è stata riscontrata un po' di carenza in materia, per cui ho preso per un po' un integratore e stop, poi non mi sono più posta il problema, non avendo una alimentazione vegana. Il problema che non mi ero posta era quello relativo alla quantità di questa vitamina da assumere quotidianamente, che , per un lacto-ovo-vegetariano, corrisponderebbe a 3 bicchieri di latte al giorno, o 4 uova. Sicuramente la mia alimentazione è molto lontana da questi standard, perché io non mangio così spesso prodotti animali (e non bevo latte dall'alba dei tempi), per cui ho deciso di dotarmi di integratore di B12 ed iniziare una regolare assunzione, visto che -oltretutto- la carenza di questa vitamina può portare conseguenze veramente estreme (dai danni neurologici permanenti, a coma e morte del bambino). Per chi fosse interessato/a al tema, consiglio di consultare il sito della Società di Nutrizione Vegetariana (www.scienzavegetariana.it/), che è molto esaustivo in merito.

E ora termino con un libro.. ho terminato di leggere "Parto e nascita senza violenza", di L. Braibanti


E' un libro rivolto più che altro a ginecologi/ghe e ostetrici/e, soprattutto all'inizio, è molto focalizzato sull'atteggiamento medico nei confronti delle donne e dei neonati, ma nei successivi capitoli è molto interessante anche per chi deve passare "dall'altra parte". Ne consiglio veramente la lettura perché a parer mio aiuta molto nell'acquisizione di maggiore consapevolezza in ciò che dovrebbe essere una buona accoglienza e un buon supporto ospedaliero, aiutando quindi ad essere più critici nei confronti della realtà che si incontra e ad esserne meno "in balìa".

17 commenti:

  1. Ciao silvia!
    anch'io ultimamente ho dovuto cambiare la mia alimentazione perchè Tommy ha problemi di dermatite e tante cose che io mangio non gli fanno bene..ho dovuto eliminare tutte le cose che io abitualmente mangio cioè formaggi, latte, uova più tante verdure come pomodori, peperoni, e frutta come fragole, kiwi, agrumi..
    questa dieta è una tortura soprattutto quando sono in giro..praticamente mi costringono a diventare una vegana anomala (perchè posso mangiare carne e pesce..)
    intanto la dermatite non accenna a migliorare...

    RispondiElimina
  2. Ciao Sibia, non mi intendo di dermatite, ma hai tutta la mia comprensione.

    RispondiElimina
  3. @ Valentina: ma chi ti ha ridotto la dieta così tanto? Quant'è che la fai? Se in una settimana non è migliorata secondo me non è la soluzione giusta.. purtroppo non so molto consigliarti: i medici su queste cose fanno acqua da tutte le parti e non sanno da che parte girarsi.. Cmq la pomata che uso (quella omeopatica)è Halicar, da dare tre volte al giorno almeno..puoi provare, da' molto sollievo appena messa
    @Chiara: ...sfido a trovare qualcuno che se ne intenda! Grazie per il sostegno :)

    RispondiElimina
  4. Grazie per la segnalazione silvia!
    Guarda...sono circa due settimane che faccio la dieta, me l'ha imposta la pediatra di tommy..e per me è una tortura perchè non riesco a fare a meno di alcuni cibi come ad es.i formaggi, ci sono troppo abituata...

    RispondiElimina
  5. Davvero, secondo me se in due settimane non ha sortito effetti non era la cosa giusta (poi ti ha tolto troppa roba tutta insieme), magari è qualcosa che mangi, ma non quello che ti ha tolto! Se vuoi provare ancora su questa strada prova con un alimento alla volta, eliminato per una/due settimane, se non sortisce effetto passa ad un altro. Però devi fare attenzione a farla bene, perché ad esempio se togli il latte devi togliere tutto ciò che lo contiene (anche il prosciutto cotto, ad esempio). Altrimenti puoi provare a prenotare una visita allergologica al CPA in lungo dora Savona 60 (tramite sovracup o direttamente lì): per ora per le allergie sono i migliori che io abbia trovato!

    RispondiElimina
  6. Grazie per la segnalazione del libro..la giro subito ad un'amica futura ostetrica! :)
    In bocca al lupo per tutto!

    RispondiElimina
  7. Io una volta ho avuto bisogno di un dermatologo perché alla mia giovanissima età (36 allora) avevo l'acne giovanile come i protagonisti dei libri di Moccia. Mi è andata di lusso:
    primo:il dermatologo era figo
    secondo: pensavo fosse allergia alimentare, invece erano i brufoli
    terzo:la seconda visita non l'ho manco pagata perché lui era in ritardissimo.
    Per il libro:già dato!
    Un bacio carissima!

    RispondiElimina
  8. @ manu: prego, sicuramente potrà esserle utile :)
    @ Simona: io invece sono stata sempre moooolto sfortunata con i dermatologi..

    RispondiElimina
  9. Sono contenta di leggere che stai meglio... se sei in forma tutto sembra più facile!!mi spiace x la dermatite...

    baci eli

    RispondiElimina
  10. ormai sono abituata! ;)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Ciao.. ti ho scoperta per caso perchè leggendo in un altro blog il titolo del tuo ultimo post mi hai incuriosito... non a caso anche io sono alla 22a settimana del mio primo bimbo.. un maschietto.. perchè invece lui è dalla 17a settimana che sfoggia il suo pisellino al vento... :-)
    Sono felice di averti conosciuta... vengo a trovarti presto!
    Ciao Chiara

    RispondiElimina
  12. Ciao!! Ebbene sì, siamo quasi coetanee di pancia, io finisco il tempo il 22 settembre, se il pargolo vorrà essere puntuale. Anche noi vediamo già da un po' pisellini al vento, quindi 99 su cento sarà un maschietto, ma per sciogliere del tutto il dubbio attendiamo la morfologica l'11 maggio. Così la tua dermatite non migliora? Mi dispiace molto! Anch'io ho la pelle molto sensibile, ma per fortuna in questi mesi di gravidanza non ho avuto sfoghi o arrossamenti strani, speriamo che duri!
    Il libro sembra molto interessante, io sono fortunata perché la mia ginecologa è una cara amica e so che mi seguirà con la massima naturalità possibile, difendendomi da chi vorrà magari impormi un cesareo solo perché deve partire per il weekend e il mio travaglio rompe le scatole...
    Buon primo maggio a tutti e tre (e ai gatti!)

    RispondiElimina
  13. ...eheh.. alla fine anche il panzerottino è un maschietto! Al prossimo post l'annuncio ufficiale!!

    @Chiara: grazie per essere passata compagna di panza!!!

    @Vale: buon primo maggio anche a voi! ;)

    RispondiElimina
  14. ma perchè tutte queste mamme vedono pisellini al vento ed io sempre e solo patatine???? perche??? :(

    RispondiElimina
  15. ahah!!! :D
    Dai, che almeno c'è qualcuno che porta avanti un po' di femminile, che qui siamo invasi dai masculi!!!! :)

    RispondiElimina