lunedì 31 maggio 2010

ventisettesima settimana

Dopo l'esperienza del pronto soccorso le cose non sono proprio tornate come prima: ho più contrazioni e più dolori, ma non importa: sempr meno che nel primo trimestre, poi se mi hanno detto che va tutto bene ho solo da stare tranquilla :)
Diligentemente continuo a misurare peso e pressione quasi tutti i giorni: il calendario ormai è diventato un insieme di numeri!
Ora abbiamo in programma un giro di test-passeggini, in modo da procedere poi all'acquisto (in realtà non lo compreremo noi perché la mia nonna ha deciso di fare questo super-regalone al primo bis-nipote.. che matta!) .. insomma, qui ormai è quasi tutto pronto, stiamo anche iniziando le grandi pulizie (..i vetri: questi sconosciuti), in modo da fare le cose con calma (anche perché diversamente da "con cama" non siamo molto capaci, per quanto riguarda le pulizie!).
Tra un paio di settimana la mia mamma finirà la scuola (è maestra) e l'ho già prenotata per accompagnarmi alla ricerca delle cose da mettere in valigia.. non vorrei comprare troppo -mi infastidisce oltremodo comprare delle robe apposta- però non so bene come comportarmi in proposito.. anche perché il corso purtroppo lo inizieremo piuttosto tardi (a luglio) e non so quando avremo la lista.. Per esempio non so se prendere una camicia da notte per il parto o la famosa t-shirt larga (premesso che io le camicie da notte non le reggo molto), poi c'è l'annosa questione delle mutande di rete -che mi fanno rabbrividire solo all'idea- ma comprarne di cotone apposta forse è ancora meno sensato: anche perché quegli assorbentoni ci staranno dentro a delle mutaande normali? boooohhh!!
Intanto mi sono letta "Figli vegetariani" di L. Proietti: davvero ne consiglio la lettura a tutti/e, anche se non vegetariani, perché da' numerose preziose indicazioni sullo svezzamento..



Grazie a tutte per la vicinanza!! Un abbraccio super cumulativo! :)

12 commenti:

  1. le mutande di rete sono orribili, ma necessarie, almeno dal mio punto di vista.
    per la valigia io consiglio almeno 5 body per il bambino e altrettante calzette e cambi per te, poi io ho portato crema idratante e un bagnoschiuma oltre all'acqua e ai fazzoletti.
    devi poi informarti se in ospedale vi danno le posate, il bicchiere, gli assorbenti per te e i pannolini per il bambino, perchè non tutti gli ospedali li passano.
    un bacione

    RispondiElimina
  2. ok, allora 1-0 per le mutande di rete..
    Gli assorbenti in realtà vedrò se portarmeli lo stesso: anche se li danno in ospedale non so se siano in cotone ed io quelli sintetici proprio non li sopporto!! Qaulcosa per la doccia l'avevo pensato, vedrò se portarmi anche il bagnoschiuma, o limitarmi a saponetta, shampoo e olio di mandorle (ormai io uso solo più quello e la pelle ringrazia!:) )
    Sarà divertente capire che mi daranno da mangiare in ospedale... mah! al massimo mi porto dietro almeno un po' di frutta secca oleosa..
    Per il pupo siamo quasi ok: ci mancano solo qualche calzina e i bavaglini (che non ho comprato perché voglio cimentarmici..)
    Grazie per le dritte!

    RispondiElimina
  3. Noooooooo!!!La camicia da notte nooooooo!!!!
    Scherzo!A me dissero che ci voleva e io me la comprai, ma quella accanto a me di letto aveva il pigiama e l'ho invidiata a bestia.Quando ha partorito ha tenuto solo la maglia di sopra che le arrivava un po' sotto le mutande. Ecco.
    Però fai quello che ti senti, anche spese pazze:-)
    Un bacionissimo!!

    RispondiElimina
  4. eh, temo di fare la stessa fine!!!
    Poi nel caso non so se a sto punto serva poi così tanto aperta davanti, altrimenti dato che farà caldo andrebbe bene qualcosa di corto e con un paio di bretelline.. già tutta un'altra cosa!

    RispondiElimina
  5. Ciao silvia!
    allora le mutande di rete sono abbastanza necessarie anche se brutte..così eviterai di sporcare e rovinare quelle che hai e poi contengono meglio i mega assorbenti..che di solito ti danno loro ma sono quelli di palstica..io usavo i tena lady, più piccoli di quelli dell'osp. e più comodi.
    Qiuestione piagiama..io ho partorito con la camicia da notte e per il resto della sett ho usato comodissimi pigiami..
    Baci baci!

    RispondiElimina
  6. ok, mi sa che mi toccheranno le mutande di rete allora :D
    Invece gli assorbenti me li comprerò in cotone, e quando diminuirà un po' la cosa potrò di nuovo usare i lavabili, per fortuna!

    RispondiElimina
  7. Io posso intervenire con ragguagli solo sul pasto ospedaliero: se sei
    vegetariana te la cavicchi ma non aspettarti vitamine e nutrienti
    seri, se sei vegan invece devi arrangiarti da sola. I pasti raramente
    sono studiati da nutrizionisti, in quasi tutti gli ospedali seguono la
    logica dell'appalto alla cooperativa di turno che porta delle sbobbe
    tremende. Ad alcune amiche è capitato addirittura di mangiare pasta
    condita con olio per 5 giorni, per mancanza di alternative perché la
    pasta al sugo veniva servita già addizionata di formaggio, ad altre è
    capitato che le poche verdure fossero costituite da una cucchiaiata di
    spinaci lessi e conditi con formaggio o idem di carote, in dosi
    veramente minuscole. Ad alcune addirittura davano dei puré di frutta
    confezionata invece della frutta fresca. La maggior parte delle amiche
    vegan che hanno avuto un bimbo si è organizzata con mamma o neo-papà
    che portava giornalmente frutta fresca e una vaschetta di qualcosa di
    commestibile e nutriente. Una ha vissuto di frutta fresca, secca e
    panini di affettati vegan per tutta la permanenza in ospedale :) Non è
    difficile organizzarsi: il pane senza strutto c'è quasi ovunque, gli
    affettati resistono bene perché sotto vuoto e la frutta fresca se non
    c'è la può portare il neo-papi, è un compito adatto anche ai più
    negati in cucina.
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. io non sono proprio vegan, ma sicuramente non mi va di mangiare kg di formaggio per giorni (tra l'altro fa di un bene....), quindi credo proprio che ci organizzeremo differentemente..
    anche perché in più io sono anche un po' allergica al frumento: non è che proprio non lo mangi (è un'allergia leggera per fortuna) ma sicuramente non posso farmi 6-7 pasti fila con il grano, che minimo mi riempio di dermatite!!
    Grasssie cara per le dritte!!
    un abbraccio anche a te

    RispondiElimina
  9. Ciao,
    camicia da notte: so che fa un pò nonna di cappuccetto rosso,ma sarà la scelta migliore.
    Per partorire danno loro un camice e solo arrivta in stanza ri permettono di mettere la tua.
    Le mutande a rete le dovrebbero dare in ospedale così come gli assorbenti e i pannolini per il bebè.
    Gli assorbenti che hanno dato a me, per tutti e tre i parti erano proprio di cotone, perchè sono previsti quelli per le neo mamme.
    Ma sono sicura che farai un giretto al reparto e potrai chiederlo.
    Chiedi anche per il corredino da portare perchè ogni ospedale ha le sue richieste.
    Il pasto viene servito ed è una sbobba, se hai un regime tuo ti conviene chiedere ai parenti di portarti qualcosa.
    Io odiavo l'idea delle ciabatte, alcune le mettevano con i calzini, e mamma se mi facevano rabbrividire!
    Così mi sono portata i birkenstock...lasciamo perdere non ho molta eleganza.....

    RispondiElimina
  10. Beh Chiara, anch'io sono mlto poco elegante!! Penso che mi porterò le crocs che uso al nido :)
    Grazie moltissime per i consigli!!!!
    un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  11. Io avevo preso una camicia da notte per l'allattamento, ma poi non l'ho praticamente messa perché mi faceva troppo caldo e mi sono fatta portare un copricostume. Ti consiglio qualcosa del genere, perché costa poco, è comodissimo, fresco e ti basta tirare giù la spallina per allattare. Io il pigiama all'inizio non l'ho potuto mettere perché mi hanno fatto il cesareo. Come ciabatte io ho usato le infradito... praticamente ero in tenuta da spiaggia ;)
    Per i pasti stendo un velo pietoso e consiglio anch'io la "schiscetta"... a me hanno portato brodo di pollo per una settimana, malgrado continuassi a ripetere che sono vegetariana. Anche il formaggio mi dà dei problemi per cui ho praticamente digiunato.
    Io avevo preso delle mutandine usa e getta per il parto ma non mi entrava nemmeno un gamba e ho mandato Puccione a prendere quelle a rete. Comunque puoi usare anche dei bei mutandoni comodi... la mia compagna di stanza usava le solite senza problemi. Come assorbenti ti conviene portarti i tuoi, i più "forti" che conosci. Quelli apposta per il parto sono alle volte un po' una fregatura. Io ne avevo presi di specifici in farmacia e le infermiere mi hanno riso dietro e mi hanno consigliato di prendere "degli assorbenti seri".
    Insomma, non conviene consultarsi con i farmacisti ;)

    RispondiElimina
  12. Per la mise stavo giustappunto optando per qualcosa del genere.. e le mutande di rete mi sa che mi toccheranno proprio!! Per gli assorbenti aspetto di capire che fanno in ospedale qui, altrimenti penso proprio che prenderò quelli post parto in cotone (che sono più grossi degli altri), perché gli assorbenti normali proprio non li sopporto, figuriamoci dopo il parto! E poi appena la quantità di sangue si ridurrà ho i miei stupendissimi lavabili :)

    RispondiElimina