domenica 3 gennaio 2010

sesta settimana

Abbiamo passato il capodanno a casa, perchè non ci sentivamo di affrontare un viaggio fino in Toscana con le previsioni di allagamento e senza che io potessi prendere nessun antistaminico per le mie allergie.. ma almeno siamo stati tranquilli e abbiamo passato una piacevole serata in compagnia di mia suocera e mia cognata.
Le contrazioni hanno un po' smesso di tediarmi per un po', ora mi sono ripresi doloretti vari che non riesco a distinguere dalle conseguenze di una colite aggravata dalle feste. Stamattina è comparsa la nausea fino a dopo pranzo, ma capirò col tempo se anche questa fosse solo conseguenza delle 1000 mangiate festaiole :P
In compenso orticarie allergiche mi tengono piacevolmente compagnia in svariati momenti della giornata..
E finalmente si avvicina il momento dell'ecografia: un'attesa densa di gioia e un po' di preoccupazione nella speranza di constatare che sia tutto a posto..
Questa settimana sono continuate le viste post-natalizie con annessa comunicazione della notizia e abbiamo constatato quanto sia impopolare la nostra decisione di non effettuare alcun test per sapere se il nostro panzerotto possa avere delle difficoltà legate a qualche malattia genetica: rimango allibita per la facilità con cui si pensi a test che comunque mettono a rischio la salute del feto e per l'altrettanta facilità con cui si pensa all'aborto nel caso in cui il figlio non sia perfetto come era stato pensato (peraltro un sacco di handicap e malattie si scoprono molto dopo la nascita, per cui..). Capisco che la nostra posizione di apertura completa alla vita è una decisione molto personale (beh, d'altronde l'abbiamo anche promesso in chiesa), comprendo anche che uno se la possa "non sentire" (ribadendo che questo non salva i genitori da un sacco di problematiche che si possono avere dopo), ma non comprendo il negare la vita a priori, c'è sempre l'adozione.
Immagino di essere impopolare ma penso che l'atto di avere un figlio in maniera consapevole presupponga una generosità e un'apertura della coppia che mal si concilia con l'egoismo di avere un figlio come lo si vuole.
Al di là di tutti questi pensieri, ci siamo lanciati alla scoperta di "passeggini-questi sconosciuti", ma sinceramente non ci siamo raccapezzati molto: devo dire che mi piace molto quello della stokke, perchè è l'unico alto e abitando in città magari panzerotto si inspirerebbe un po' meno schifezza di gas di scarico, ma costa un botto e non ha l'ovetto.. insomma, penso che andremmo a vederne di persona un po' nella speranza di capire la differenza tra un tipo e l'altro..
Meglio invece è andata la ricerca dei pannolini lavabili, che al momento ho rinunciato a fare, visto che dovrò continuare a lavorare e data la difficoltà e il costo nel reperire i materiali.

In ultimo.. oggi è il compleanno del mio meraviglioso Maritozzo: ti amo tesoro mio!!!

5 commenti:

  1. Mi spiace x le orticarie, ma credo che dopo la tredicesima settimana tu possa prendere qualche antistaminico.....non ti fa bene essere scoperta!

    Per La nausea io usavo acqua frizzante e succo di limone e ghiaccio!

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. per le allergie la ginecologa mi farà fare a fine gennaio una visita internistica al S.Anna di Torino, poi vedremo che mi diranno.. intanto gratto!!!! :D
    Ottimo rimedio per la nausea, proverò!!
    un grande abbraccio anche a te!! :)

    RispondiElimina
  3. ciao Sibia! una casa abitata quasi quanto la mia :-)
    per la nausea con me funzionava solo coca cola (ma mi limitavo per ovvie ragioni) o un pezzettino di parmigiano.

    a presto

    RispondiElimina
  4. eheh, ho visto che anche voi avete quattro gatti.. per il settimo ospite in casa ci stiamo attrezzando, se va tutto bene ad agosto :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ciao, cara! Anche noi non abbiamo fatto l'amniocentesi, per gli stessi motivi. Anche noi abbiamo trovato triste che invece sia la norma... E sì che sono insegnante di sostegno e ho una sorella disabile, per cui ho ben chiare le difficoltà, ma non ho cuore nemmeno di uccidere le zanzare, figuriamoci un fagottino malato!
    Un bacione

    RispondiElimina