lunedì 8 marzo 2010

ma cosa c'è da festeggiare?

Devo dire che era un po' di tempo che non mi sentivo così nervosa e arrabbiata.
Sarà che ho iniziato a leggere "Adesso basta" di Simone Perotti, libro sul downshifting che da' adito a pensieri che sono in me da diverso tempo e mi fa aumentare la voglia di andarmene a vivere in montagna, con un orto, un pezzetto di bosco e un paio di pecore..
Sarà che ieri ho guardato "Presa diretta", in una puntata sulle energie rinnovabili, e i sentimenti di rabbia, delusione e frustrazione per quello che combina il nostro governo aumenta, purtroppo parallelamente al sentimento di impotenza travolgente che ne consegue..
Sarà che oggi è la festa della donna, e mai come ora sento così forte l'ipocrisia che emanano dichiarazioni e auguri..
E il nervoso ha continuato a lievitare..
.. e allora ho vignettato






6 commenti:

  1. Ma non sarà la gravidanza????? Anch'io è da un po che mi sento così...e vorrei davvero avere una "casa nella prateria"..mha
    Per la festa della donna poi...non ne parliamo povere frustrate che escono solo l'8 marzo..sapessero almeno perchè si ricorda l'8 marzo e che tragedia c'è dietro :-(
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Concordo con tutto ciò che hai scritto
    anche io "voglio andare a vivere in campagna" (come cantava Cutugno qualche anno fa)...si, io ci vorrei andare sul serio...e forse tra poco la cosa si realizza....non stò più nella pelle!

    mi piace la tua vignetta...sei davvero brava, semplice ma chiarissima!!
    Bellissimi anche i disegni... essenziali!

    RispondiElimina
  3. Sibia... condivido con te il tuo sentire. Per me ieri è stata una giornata come un'altra. Anch'io avevo visto quella puntata di "Presa Diretta" e mi è venuta tanta rabbia. Pure io vorrei andare a vivere isolata su una montagna, nonostante abbia già cominciato tre anni fa il mio downshifting. Credo che sia normalissimo sentirsi così, nonostante tu in questo momento possa essere emotivamente più vulnerabile.
    Quindi tranquilla! ;)
    Molto carina la vignetta, non sapevo che tu fossi così brava! Complimenti! :)

    RispondiElimina
  4. innanzitutto grazie per i commenti alla vignetta: è la prima che faccio!

    ..e grazie per la condivisione del sentire: mi fa sentire un po' più in compagnia e un po' meno extraterrestre :)

    RispondiElimina
  5. Secondo me non è il tuo progesterone, è la società italiana che è sballata, io poi dopo la "vittoria" del principe a Sanremo credo proprio di aver sbagliato nazione di nascita! Lo pensavo già da un pezzo ma ora ne sono quasi sicura! Spero di essere tedesca o svizzera o svedese o magari un giorno tornerà la mia navicella e col suo raggio laser mi porterà via. Mah! Intanto comincio spegnendo la tv! :)

    Ciao.

    RispondiElimina